• info038407

QUALI PASSI DEVO INTRAPRENDERE SE VOGLIO REALIZZARE UNA CASA IN BIOEDILIZIA (Legno)? - Articolo 2/3

Aggiornato il: giu 14




Continuamo con il secondo articolo il cui scopo e quello di cercare di fare chiarezza in un mercato in pieno fermento e talune volte le informazioni sono parziali o distorte.


❗️Vogliamo inoltre darti tutte quelle informazioni importanti prima di decidere, cosa, come e con chi costruire casa, che non siano le solite informazioni banali e scontate che si trovano nel web.


📌L’obiettivo non sarà mai quello di denigrare costruzioni in cotto o cemento armato, ma quello di far conoscere un’alternativa di costruzione altrettanto valida, ecologica, duratura e al passo con le nuove regolamentazioni europee in fatto di riduzione CO2 (rispettivamente risparmio energetico).


😷 L’attuale emergenza#covid19ci ha obbligato a vivere molto di più tra le mura domestiche, ecco perché quando decidi di costruirti casa, valuta anche il benessere all’interno della stessa! Al giorno facciamo oltre 20'000 respiri per 15'000 litri d'aria! E cosa respiri effettivamente (nella stragrande percentuale di edifici,abitazioni ed uffici?) Stai respirando componenti chimiche e tossiche, che portano a definire tale problema come la sindrome dell'edificio malato.

- Quali sono i sintomi che potrebbero manifestarsi all'interno di un edificio malato ? Mal di testa, vertigini, irritabilità, problemi di memoria, disidratazione, nausea e problemi intestinali, affaticamento, irritazioni cutanee ed eczemi, difficolta di concentrazione, mancanza di equilibrio, irritazione naso, occhi e gola, disidatrazione, infiammazioni, intorpidimento e dolori. (fonte World Health Organization - Sick Building Syndrome)


Ecco perché ribadiamo spesse volte che abitare in una casa in bioedilizia è anche benessere fisico, il legno è vivo e respira con chi vi abita.


📌Ora entriamo all’interno del nostro articolo informativo, rispondendo innanzitutto ad una domanda che ci è stata posta in privato.


Molte persone ci chiedono se possono costruire su un terreno appoggiando la casa direttamente a terra in modo da risparmiare soldi ?


👷🏼‍♂️La risposta è NO. La casa va realizzata OBBLIGATORIAMENTE su una base solida, chiamata genericamente fondazione che, in fase progettuale, viene adattata dopo essere stata calcolata da un ingegnere strutturale a seconda della tipologia di terreno sul quale dobbiamo costruire.


❗️E’ importantissimo, infatti, stabilire il tipo di terreno poiché qualunque edificio DEVE poggiare su un terreno solido.


▶️Nel nostro caso, prendiamo come esempio di fondazione, quella che comunemente viene chiamata platea di fondazione o piastra di fondazione, non potendo trattare qui tutte le casistiche nello specifico.


▶️La Platea di fondazione va realizzata in cemento armato, sia per costruirci una casa in muratura sia per costruirci una casa in legno.


▶️Di seguito sintetizzeremo le fasi principali per la realizzazione di quelle opere che necessariamente dovranno essere eseguite al fine di poter ricevere l’edificio.


In fase esecutiva, quindi in cantiere, si procede dapprima con lo scavo.

❗️Attenzione: un minimo di scavo va sempre eseguito anche se non bisogna realizzare un piano interrato, poiché bisogna raggiungere la cosiddetta “profondità antigelo” che è la profondità a partire dalla quale la fondazione non è colpita proprio dal gelo invernale.


Dopo lo scavo, si esegue il piano di fondazione, cioè si pulisce e compatta il più possibile la superficie, fino a renderla complanare e la si ricopre con un geotessuto o tessuto-non-tessuto sul quale viene posizionato e successivamente costipato del materiale drenante. Questo tipo di fondazione, viene anche definita, "fondazione calda"

Il più comune materiale drenante è la ghiaia di una certa dimensione.


Sul materiale drenante viene realizzato poi il cosiddetto MAGRONE o calcestruzzo magro, perché realizzato con quantitativi ridotti di cemento, previa interposizione di una membrana impermeabile e antiradon che dovrà essere risvoltata successivamente sulla fondazione stessa a protezione dall’acqua e dall’umidità. (In realtà ed in questo caso, il magrone non sarebbe necessario eseguirlo, ma noi stiamo sintetizzando i metodi più usuali per cui lo indichiamo).


Infine andremo a realizzare la nostra platea in cemento armato.


❗️Ancor prima di tutto questo però…attenzione: non dimentichiamo di predisporre scarichi o eventuali pozzetti per pompe di sollevamento (quando le canalizzazioni comunali sono a quota più alta rispetto all’uscita delle canalizzazioni della casa), o tubi per l’alimentazione e la messa terra…cioè tutta la predisposizione necessaria per la parte impiantistica e la sicurezza dell’edifico.


Ulteriore elemento importantissimo è il drenaggio da realizzare intorno alla fondazione. Esso serve a raccogliere e allontanare l’acqua meteorica che entra nel terreno e che viene scaricata dal tetto dell’edificio attraverso i pluviali che sono appunto collegati al drenaggio.


👷🏼‍♂️Ribadiamo che sono diversi i fattori che condizionano la realizzazione di una fondazione e, quindi, diversi possono essere anche egli accorgimenti costruttivi. Noi stiamo trattando il metodo base, non potendo trattarli tutti insieme. E’ infatti molto importante fare una valutazione specifica per ogni specifico caso.

Per questo motivo forniamo un progetto esecutivo all’impresa di costruzioni che andrà a realizzare la piastra di fondazione con le varianti specifiche del caso in esame.


‼️È molto IMPORTANTE realizzare per bene le fondazioni, perché..consentitemi il paragone…le fondazioni di un edificio sono paragonabili ai nostri piedi!


Nel caso specifico dei nostri edifici, inoltre, la platea dovrà essere 12/15 cm più alta del terreno finito.


ℹ️ Prima di continuare nei vari passi da fare per realizzare la tua casa in bioedilizia (legno), vogliamo spiegare quali sono le differenze sostanziali tra una costruzione tradizionale (muratura, cotto o cemento armato) e una costruzione in legno. Questo perchè molte persone hanno l’idea delle case in legno tipo chalet o casetta da giardino o baracche (casa dei 3 porcellini per intenderci..).


✔️Qualsiasi edificio abitativo è composto da muri portanti perimetrali che chiudono l’involucro della casa.

✔️Da muri divisori, e anche portanti all’interno della casa per delimitare gli spazi abitativi e sostenere i piani sovrastanti o semplicemente il tetto.

✔️A seguire ci saranno le solette, le quali dividono e sostengono i vari piani.

✔️Poi si passa alla realizzazione del tetto, a falde o tetto piano (nelle costruzioni moderne).

✔️Il sistema di costruzione è identico sia nelle costruzioni tradizionali che in legno, l’unica differenza sono i materiali usati, in cotto o cemento armato per i muri e solette in tradizionale e in legno per quanto riguarda la bioedilizia.


Ora tornando ai passi da intraprendere per realizzare una casa in bioedilizia, ci eravamo lasciati nel primo post con la fase di progettazione, che è secondo noi la fase più importante di tutte. Sopratutto nel prefabbricato in bioedilizia, perché tutto è progettato in anticipo, niente viene lasciato al caso o da risolvere in cantiere. Gli operai (maestranze) devono unicamente seguire un piano stabilito.


ℹ️ Alcune persone ci hanno chiesto ulteriori informazioni sui progetti in 3D e sulla realtà aumentata. Sono strumenti che alcuni degli architetti con cui collaboriamo ne fanno uso da tempo. Di cosa si tratta è presto spiegato: chi non è del settore (architetto, geometra, costruttore, ecc) alcune volte ha difficoltà ad immaginare la casa finita, sia a livello di spazi che di luminosità, che di finiture osservando un progetto su carta o al computer. Ecco che le nuove tecnologie ci vengono incontro con i progetti in 3D per dare volume agli spazi, potendo inserire in tempi più brevi anche l’arredo tridimensionale, così da comprendere gli ingombri reali e le dimensioni della stanza. Con la realtà aumentata inoltre, (indossando degli speciali occhiali), si può proprio “passeggiare” virtualmente all’interno della casa e vedere in anticipo se la scelta fatta di mettere un muro piuttosto che un mobile o addirittura un locale, vada bene oppure no. Si possono inserire sia nel 3D che nella realtà virtuale i colori delle pareti, dei mobili o delle piastrelle… Alcuni dei nostri architetti, inoltre, lavorano già con il BIM (Building, Information, Modeling) che consente, in poche parole, di inserire in tridimensionale anche tutti gli impianti e avere, quindi, già in fase progettuale, la totale visione dell’edificio.


Una volta pronto il progetto bisogna inoltrare una richiesta di autorizzazione (che a seconda della Nazione in cui operiamo, si chiama in modi differenti) in comune e nei vari enti preposti, allegando oltre al progetto vero e proprio i materiali che si intendono utilizzare, l’incarto energetico della casa che si intende edificare. Anche in questo caso, a seconda del Paese, cambia anche il tipo di documentazione da presentare.

Questo per avere il benestare dal comune ed enti, i quali hanno fissato dei minimi sotto i quali le nuove costruzioni non possono più scendere a livello di risparmio energetico (Direttive Europee o Cantonali in Svizzera).

Il progetto serve inoltre a richiedere tutti i preventivo sui costi della casa.


📐Ora qui entriamo nel dettaglio di come funzionano le aziende che operano nel settore delle costruzioni in bioedilizia (legno). Ci sono alcune piccole diversità tra aziende, ma in linea di massima le basi sono quelle descritte qui di seguito:


➡️ Il preventivo base (che noi sconsigliamo), si chiama AL GREZZO. Cosa comprende:

- realizzazione della struttura portante (nuda e cruda) muri perimetrali.

- muri divisori interni,

- eventuale soletta (se desideriamo una casa a più piani),

- ed in-fine il tetto, ma senza copertura, solo le travi e il primo strato di isolamento.

🛠Compreso montaggio

🏗trasporto

🚛fornitura


❗️Fate molta attenzione, ci sono alcune aziende che pubblicizzano il costo di una casa in legno, senza specificare “al grezzo” con prezzi attrattivi e ingannevoli. Il prezzo “al grezzo” di una casa in legno può partire anche da € 400.00 al Mq (abbiamo visto anche di meno). Peccato che il materiale sarebbe stato trasportato e scaricato nel cantiere e niente altro. Non c’era compresa neppure la posa in opera. A questo proposito, ricordati che per avere l’abitabilità da parte dei comuni, la casa va realizzata e costruita da aziende certificate a livello Europeo o Svizzero o con la presentazione del DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva) in Italia. Altrimenti si rischia di non poterci andare ad abitare e difficilmente troverete dei montatori diplomati che montano case di fornitori che non conoscono, non si prendono tale responsabilità.


Tornando a noi, perché sconsigliamo il solo “grezzo” ? Per un fattore di garanzie che spieghiamo nel punto successivo.


➡️Preventivo AL GREZZO AVANZATO.

Nel “grezzo avanzato” vanno aggiunte le seguenti voci:


🔵Cappotto esterno (isolamento termico)

🔵Serramenti (finestre, porte finestre e porta d’entrata principale)

🔵Tapparelle (raftor, persiane, oscuranti)

🔵Eventuali controparti interne a ridosso dei muri portanti perimetrali (per passaggio tubi - vani tecnici)

🔵Rivestimento di tutte le parti in legno tramite lastre speciali idrorepellenti e ignifughe e lastre in cartongesso ignifughe.

🔵Copertura del tetto con tegole o tetto piano con guaina apposita.

🛠Compreso montaggio

🏗trasporto

🚛fornitura


🔝La nostra azienda aggiunge alle voci sopra elencate per un “grezzo avanzato” anche:


- Inserimento sotto le pareti di tutto l’impianto elettrico (vanno solo inseriti i fili nel corrugato in cantiere).

- Durante la produzione vengono già inseriti i tubi e gli scarichi wc, bidè, lavabo e i castelli Geberit in metallo sottomuro.

- Vengono creati i vani di passaggio tubi di scarico e distribuzione acqua calda/fredda.

- viene terminata tutta la parte esterna con un ulteriore mano di colla rasante e finitura silossanica (STO) da 1,5 mm


👷🏼‍♂️Ora spieghiamo perché consigliamo “un grezzo avanzato”, questo soprattutto per un fattore di garanzie. Se facciamo fare tutto ad una sola ditta e sopratutto in fabbrica, la posa dei serramenti, delle tapparelle e del cappotto esterno, evitiamo errori o discussioni in cantiere e responsabilità negate. La parte termica e serramenti è una parte fondamentale nella bioedilizia e nelle case a risparmio energetico. Perché si può avere una parete ben coibentata termicamente, ma con perdite d’aria sul perimetro dei serramenti e tutto l’investimento fatto è vanificato. Ecco perché consigliamo che sia la stessa ditta a a fare “un grezzo avanzato” e soprattutto che alla fine lavori esegua il test di tenuta all’aria dell’intero involucro della casa (chiamato blower door test).


‼️Importante! Le case in bioedilizia devono essere a completa tenuta stagna grazie ad una barriera a vapore; una singola perdita di 1 cm può comportare gravi problemi di durata della struttura portante. Per quale motivo direte voi ? Essendo la casa sotto “pressione”, un minuscolo buco può bastare a far passare aria, l’aria solitamente trasporta del vapore, lo stesso può depositarsi e formare condense all’interno delle pareti e intaccare il legno nel tempo.


Ecco perché è importante far realizzare le case in legno da chi conosce bene questi dettagli e sa come prevenire, contrariamente a ditte improvvisate che non conoscono certi dettagli e non vi diranno mai queste cose.


➡️Come ultima possibilità esiste il “chiavi in mano”. Ora sappiamo che qui creeremo qualche discussione, ma noi ti parliamo sempre per esperienza.


👷🏼‍♂️Che cos’è il “chiavi in mano” innanzitutto ?

Vuol dire teoricamente eseguire tutti i lavori per realizzare una casa🏡, escluso l’acquisto del terreno, allacciamenti al gas, acqua, luce e fognature e tasse comunali e statali.


Questo significa che una sola ditta gestisca tutto. Di per sé potrebbe sembrare molto interessante, ma...avere la gestione di tutto compresa la direzione lavori, vuol dire “lavarsi i panni sporchi in casa propria”.


❗️Se non c’è una persona esterna che vigila e garantisca sulla qualità dell’operato di ogni singolo artigiano, si tenderà a nascondere eventuali difetti o imperfezioni. Inoltre per la gestione di tutte le varie imprese che interverranno nell’edificazione della tua casa, ti fattureranno (a tua insaputa o non) il tempo che impiegheranno. Un ulteriore rischio sono i subappalti, il cliente non sa a quale cifra è stato deliberato il lavoro e chi veramente lo svolge in cantiere e potrebbe essere che i soldi non gli bastano, perché l’impresa capofila si è trattenuta un margine troppo elevato, poi si hanno malumori in cantiere e poco interesse a fare bene un lavoro perché sottopagati.


🔝Un consiglio nostro è quello di avere una direzione lavori! Una figura professionale esterna, che non sarà mai un costo ma un investimento. Una persona che vi tutela nei confronti di tutti gli artigiani che operano nella costruzione della tua casa. Sarà quel professionista che garantirà l’esecuzione “a regola d’arte” (termine usato nell’edilizia per garantire un adeguato standard di qualità nella realizzazione di un lavoro). Il costo per gestire i vari artigiani, come abbiamo potuto leggere poc’anzi, lo pagate ugualmente all’impresa capofila. Se voi deliberate direttamente agli artigiani, risparmierete sicuramente dei soldi, che andranno a pagare qualcuno che fa i vostri interessi non solo quelli di un’unica impresa. Questo è quanto ci sentiamo di consigliarvi.


📌 La nostra azienda non fa opere “chiavi in mano”, ma collabora con una rete di artigiani e architetti/geometri che possono fare al caso vostro.


ℹ️ Ora dopo aver spiegato la parte:

1. Finanziaria

2. Costi

3. Acquisto terreno

4. Progetto

5. Domanda di costruzione

6. Definizione “al grezzo”, “al grezzo avanzato” e “chiavi in mano”


Nel prossimo articolo parleremo della fase di:


7. Realizzazione in fabbrica della tua casa

8. Della fornitura e posa della tua casa pre assemblata, sul terreno che hai scelto

9. L’intervento degli artigiani e che impianti scegliere

10. Garanzie che devi esigere e certificazioni sui prodotti utilizzati.


ℹ️ Restiamo a disposizione per eventuali domande sulla email: info@buildingthefuture.ch


11 visualizzazioni